Mese: gennaio 2014

“un viaggio met…

“un viaggio metaforico verso il passato avendo con noi un solo bagaglio: il futuro!”

Il Nostro 27 Gennaio vuole essere

“un viaggio metaforico verso il passato avendo con  noi un solo bagaglio: il futuro!

Un futuro che ci impegniamo a rendere migliore di questo passato, fatto di morte e distruzione e di cui vogliamo essere protagonisti ed artefici!

E poiché crediamo che nel momento in cui entri in rapporto con l’Olocausto, anche solo attraverso letture, documenti, musiche o film, diventi a tua volta un testimone dell’Olocausto,  noi vogliamo testimoniare la nostra volontà di ricordare per non ripetere.

Leggeremo e reciteremo brani scelti di  Testimoni e Autori vari, le parole, la musica e le immagini ci aiuteranno a comporre questo momento di riflessione sulla Shoà, sul male e sull’insensatezza di una tragedia avvenuta solo pochi decenni fa, ma che rischia di cadere nell’oblio della storia e di certi pericolosi atteggiamenti negazionisti.

Nel momento in cui entri in rapporto con l’Olocausto diventi a tua volta un testimone dell’Olocausto

La tragedia della Shoah e gli anni bui della seconda guerra mondiale, ci fanno riflettere sul tema della violenza, della sopraffazione e della ferocia dell’uomo che non sa far prevalere il rispetto e la tolleranza che depreda e  avidamente rapina e suoi simili e la natura.

 Il genocidio  degli ebrei come ogni altro genocidio, la storia né è tragicamente segnata da molti altri, è uno dei peggiori crimini che l’uomo possa commettere, perché comporta la morte di migliaia a volte di milioni, di persone, e la perdita di patrimoni culturali immensi.

Noi pensiamo che se promuoviamo la cultura del servizio e della tolleranza dell’ amore e dell’umiltà, della misericordia e del rispetto forse possiamo veramente sperare in un mondo migliore, aperto, accogliente, solidale.Image